Immigrazione: maxiemendamento, 12 sezioni dedicate in più in Corti d’appello

Immigrazione: maxiemendamento, 12 sezioni dedicate in più in Corti d’appello

0

Passano da 14 a 26 le sezioni specializzate in materia di immigrazione ed asilo che verranno create presso ciascun tribunale ordinario del luogo in cui hanno sede le 26 Corti d’appello. Lo prevede il maxi-emendamento presentato dal Governo al disegno di legge di conversione del decreto immigrazione all’esame dell’Aula del Senato. Le nuove disposizioni, inoltre, escludono la possibilità di trattenimento nei Centri dei richiedenti asilo “in condizioni di vulnerabilità” e prevedono che la promozione dell’impiego di richiedenti asilo in lavori di pubblica utilità sia svolta dai prefetti, non solo d’intesa con i Comuni, ma anche con le Regioni e le Province autonome. Il testo stanzia poi 2,5 milioni di euro per il 2017 e 5 milioni a partire dal 2018 per l’invio di carabinieri presso le ambasciate e gli uffici consolari negli Stati africani da cui originano o transitano i flussi migratori. Questo per far fronte alle esigenze di sicurezza derivanti dall’apertura di nuove sedi diplomatiche come quelle in Niger e Guinea o la riapertura dell’ambasciata di Tripoli. Infine, nell’articolato è stato inserita la proroga fino al 15 dicembre 2017 della sospensione dei versamenti tributari a favore dei contribuenti di Lampedusa.

Il maxi-emendamento prevede anche che la decisione finale sul ricorso contro il diniego della richiesta d’asilo debba essere collegiale anziché monocratica (fermo restando la trattazione monocratica). Il richiedente, inoltre, può presentare istanza motivata di essere ascoltato dal giudice. Previsto, infine, l’accesso, senza previa autorizzazione, ai Centri di permanenza per i rimpatri per gli stessi soggetti ammessi a visitare gli istituti penitenziari.

NESSUM COMMENTO

Rispondi