Film d’altri tempi, sempre attuali anche ai giorni d’oggi

Film d’altri tempi, sempre attuali anche ai giorni d’oggi

0

L’intelligenza artificiale è un argomento che giorno dopo giorno, da un capo all’altro del Mondo, acquisisce sempre più rilevanza. Tra i motivi, oltre la rilevanza della tematiche per usi presenti e futuri, vi è semplicemente la decisione che così deve essere. Così mentre si lavora ad un’idea che possa svilupparsi autonomamente, ci si pone le domande su come tale idea qualora si realizzasse debba arrivare o meno a progredire e a decidere per conto proprio. Un dilemma molto semplice, e non è l’unico, che porta con se l’esempio pratico dei problemi della quotidianità dove Persone con l’ausilio della tecnologia o meno come era sino a prima quando la tecnologia era soltanto il sé facilitano il percorso di talune Persone complicando quello di altre. Scrivendo queste parole torna in mente un bellissimo Film che vedeva tra gli attori Carlo Verdone e non meno anche Alberto Sordi, tra i tantissimi sempre di notevole livello, dove già nella lungimiranza dei tempi mostravano il rapporto di collaborazione tra le Persone per raggiungere un obbiettivo umano comune dove la tecnologia era soltanto lo strumento con cui vivere lavoro scrivendo. In questo Film, Sordi, più o meno dice a Verdone, tu non devi dire più nulla da adesso in poi la tua mente è vuota e dirai soltanto quel che io ti dico dire. Nel frattempo numerosi sviluppi e scene sempre comiche e molto intelligenti dagli svariati significati della quotidianità comune. Di Persone ricche e di Persone povere, e di come ci si prende gioco gli uni degli altri. Dove alla fine in senso lato qualcosa la si perdeva comunque tutti, e in questo specifico Film, il personaggio interpretato da Verdone ha ascoltato i consigli sin quando poi il personaggio interpretato da Sordi non impazzì. Sempre più differente appare invece, seppur sempre molto bella ed interessante, da aprire scenari importanti, la produzione televisiva e cinematografica dei nostri giorni dove sempre più spesso non esistono più i guerriglieri alla Rambo, i grandi dell’industria e della finanza, mentre sempre più spesso scienziati combattono computer dove nella migliore ipotesi umana tali tecnologie sono controllate da un’unica Persona o Società. Quel che scriviamo oggi non va nella direzione del dissenso allo sviluppo dell’umanità, di quel che forse potrà essere più sostenibile per l’umanità stessa in quel che definibile progredire o regredire che sia poiché è comunque umanamente naturale. Quanto a riportare la sostanziale differenza. Del resto come sempre sarà il modo a determinare il risultato che via via diventa progressivo e che può superare l’apparente continuità e ciclicità con cui gli accadimenti vengono inseguiti, con cui si ripetono ed evolvono e a volte si superano.

NESSUM COMMENTO

Rispondi