Campobello di Mazara, task force per il controllo dell’accampamento dei raccoglitori d’olive

Campobello di Mazara, task force per il controllo dell’accampamento dei raccoglitori d’olive

0
Web, by Campobello News

Una task force delle forze dell’ordine è stata disposta dalla Prefettura di Trapani per presidiare l’accampamento spontaneo di Erbe Bianche, a Campobello di Mazara, sino alla fine della campagna olivicola, mentre l’amministrazione comunale assicurerà la bonifica del sito. Lo rende noto il sindaco Giuseppe Castiglione. Il provvedimento segue di pochi giorni le preoccupate dichiarazioni di cittadini, sindacati e associazioni che hanno segnalato la presenza sul luogo e in tende e rifugi di fortuna, praticamente senza luce ed acqua, di centinaia di migranti, circa 700, che hanno raggiunto il centro belicino per la raccolta delle olive. Il presidio delle forze dell’ordine viene garantito da stamani da una quarantina fra poliziotti dei Commissariati di Mazara del Vallo e Castelvetrano e carabinieri della locale Stazione e del Comando provinciale di Trapani che hanno iniziato a identificare i migranti e a controllare i loro permessi di soggiorno.

“Si tratta di interventi indispensabili – dice il sindaco Castiglione – che saranno garantiti sino alla fine della campagna olivicola per scongiurare il verificarsi di problematiche igienico-sanitarie connesse alle precarie condizioni dell’accampamento e alla civile convivenza tra la popolazione locale e i lavoratori stagionali, che hanno dimostrato di essere persone pacifiche e che rappresentano ormai una forza lavoro necessaria per l’economia locale”.

Intanto a Campobello di Mazara sono attese tutte le autorizzazioni volte all’allestimento dell’eventuale allestimento del campo di Fontane d’oro, ex oleificio confiscato alla mafia, che non può ospitare più di 250 persone in possesso di regolare permesso di soggiorno e che si trovano in condizione regolare per l’assunzione nelle ditte.

NESSUM COMMENTO

Rispondi