Favori e Lavoro, 73 indagati nell’agrigentino

Favori e Lavoro, 73 indagati nell’agrigentino

0

Posti di lavoro in cambio di favori alla società Girgenti Acque che assumeva persone, in genere familiari, segnalate in buona parte da politici e amministratori pubblici. L’inchiesta della procura di Agrigento ha portato alla notifica di 73 avvisi di proroga delle indagini e tra i destinatari dei provvedimenti, a quanto riportato dall’Ansa, ci sono Angelo Alfano, 81 anni, il prefetto di Agrigento Nicola Diomede, l’ex presidente della Regione Raffaele Lombardo, l’ex presidente della Provincia regionale di Agrigento Eugenio D’Orsi, deputati ed ex deputati, politici agrigentini, dirigenti pubblici, giornalisti e avvocati. Mentre Girgenti Acque si dice fiduciosa del lavoro della magistratura, poichè a suo dire il managment ha lavorato in ottemperanza con la normatova, agli indagati vengono contestati i reati di truffa, corruzione, riciclaggio e inquinamento ambientale. La proroga è stata firmata dal procuratore capo Luigi Patronaggio e dai sostituti Salvatore Vella, Alessandra Russo e Paola Vetro. Ieri pomeriggio carabinieri e Guardia di finanza sono andati in prefettura dove hanno effettuato perquisizioni e notificato l’atto al prefetto, dopo che una settimana fa erano stati perquisiti gli uffici di una società controllata, l’Hidrotecne (amministrata da Pietro Arnone), e di Girgenti Acque, presieduta da Marco Campione: entrambi sono tra gli indagati. Nei giorni scorsi, dopo che erano venute fuori le prime notizie sull’inchiesta, Girgenti acque aveva espresso “massima fiducia negli organi inquirenti. Confidiamo sulla celerità delle verifiche e degli accertamenti ritenuti necessari che possano diradare ogni ombra sulla gestione della società”. Meno di un mese fa Marco Campione era stato assolto in via definitiva dall’accusa di corruzione che riguardava un presunto giro di tangenti all’Agenzia delle Entrate: favori in cambio di annullamenti di sanzioni tributarie. Un’altra indagine che coinvolgeva Girgenti Acque era stata aperta nel 2011 dalla stessa procura e riguardava l’inquinamento di un tratto di litorale ad Agrigento, a causa della mandata depurazione delle acque reflue. L’attuale indagine sta anche cercando di fare luce sull’aumento delle tariffe nei vari comuni i cui servizi idrici e fognari sono gestiti da Girgenti Acque.

NESSUM COMMENTO

Rispondi