Aeroporti in Sicilia, sbloccate le risorse per la mobilità

Aeroporti in Sicilia, sbloccate le risorse per la mobilità

0

Non sono poche le problematiche che giorno dopo giorno si aggiungono e si susseguono in tutta Italia. E mentre ai massimi livelli si discute anche degli scenari politici possibili, in attesa di convergenze o divergenze, tra le persone ci si limita ad affrontare la quotidianità. Così pare non stupire più la povertà che tra le strade aumenta, o la situazione economica in cui versa l’imprenditoria italiana e in particolare quella riguardante la regione Sicilia. Nonostante ciò, proseguono i lavori riguardanti la mobilità isolana.

È notizia recente infatti che sono stati sbloccati i fondi per finanziare l’avvio di collegamenti negli aeroporti di Trapani Birgi e Comiso (Rg). La Regione infatti ha stanziato 12 milioni e 500 mila euro sino al 2019 per i Comuni che, prosegue l’agenzia dell’Ansa, rientrano negli ambiti territoriali degli scali al fine di favorire l’incremento delle presenze turistiche. A Trapani sarà Airgest, la società che gestisce l’aeroporto di Birgi, a varare il nuovo bando finalizzato alla ricerca di un vettore aereo che possa garantire la continuità dell’operatività dello scalo attualmente compromessa, mentre sarà il Libero Consorzio Comunale di Trapani a gestire i fondi. Nel Ragusano sarà il Comune di Comiso che pubblicherà il bando per l’incentivazione della mabilità aerea, per l’aeroporto che sta affrontando la propria riorganizzazione; la decisione è stata assunta dai sindaci e dalla Soaco, la società di gestione dello scalo ibleo. Oltre a 4,5 milioni di euro della Regione siciliana, sono disponibili 1,6 milioni di euro dell’ex Provincia di Ragusa e 380 mila euro della Camera di Commercio del Sud-est. L’incentivazione, sia recente che meno, degli aeroporti dell’isola rientra nel piano di riorganizzazione complessiva della mobilità.

NESSUM COMMENTO

Rispondi