Acqua in bocca, al via in Sicilia il Raid dell’Etna

Acqua in bocca, al via in Sicilia il Raid dell’Etna

0

Vi sono numerosissimi Film, come spesso ogni anno e differentemente nella moltitudine dei canali, che vengono ripresi in televisione. D’altronde vi è da sempre un certo tempo, tra quando un film esce in proiezione nei Cinema e poi nelle televisioni di casa. Addirittura un differenziale di tempo che può diventare infinito, se si considerano le serie ed anche e non solo i film che vanno in programmazione nei canali a pagamento online e virgolettato offline. E in Italia tale movimento di tempo è sempre atipico, come d’altronde atipica può apparire la vincita delle programmazioni Netflix al Festival del Cinema di Venezia. Seppur in realtà con riflessioni ottimistiche più che a dimostrare la fantomatica tendenza tutta italiana di stare con tutti i piedi possibili ovunque tali piedi si possano mettere, nel tentativo di prendersi gioco di quanto e quanti, motivo per cui la storia poi racconta soltanto la parte che può, è probabile che porti con se il significato dei tempi attuali e dell’innovazione.

Di qualcosa che prosegue veramente, che c’è già e diventa nota nel momento in cui viene scoperta. Come l’emozionante raid dell’Etna, iniziativa forse meno nota della più famosa mille miglia, e giunta alla ventunesima edizione che prenderà il via domani e presentata l’altro giorno al Comune di Catania anche alla presenza del Sindaco Pogliese. Manifestazione che prevede il giro della Sicilia per persone appassionate, anche insieme alle proprie auto storiche, ideata e organizzata da Giovanni Spina e Stefano Consoli, che si concluderà negli ultimi giorni di Settembre. «Una tradizione che si rinnova da oltre vent’anni – affermano i patron dell’iniziativa– che anche quest’anno darà luogo a un’edizione di puro spirito mototuristico. Gli 80 equipaggi iscritti si affronteranno in una avvincente e alquanto tecnica gara di regolarità. Non mancheranno poi momenti di cultura e intrattenimento, con visite guidate nei centri storici e in alcune delle più prestigiose dimore nobiliari siciliane, per offrire un’esperienza non solo di viaggio ma anche di intrattenimento, che consentirà alle presenze internazionali di scoprire e apprezzare il nostro territorio».

Le vetture d’epoca di grande valore storico, tecnico e sportivo partiranno dunque Domenica 23 settembre da Palermo in occasione della “Giornata Nazionale del veicolo d’epoca” e attraverseranno, tra 60 prove cronometrate e 40 controlli orario, tutta la costa occidentale, fino ad arrivare nel cuore della città di Catania (sabato 29). Monreale, Erice, Partinico, Selinunte, Mazara del Vallo, Mazara e Trapani sono solo alcune delle località che ospiteranno il passaggio della competizione, dove appassionati e curiosi potranno ammirare dal vivo gli autentici capolavori di design e di meccanica, provenienti da ogni parte del mondo.

Quest’anno, infatti, si registrano presenze da Stati Uniti, Colombia, Sudafrica, Inghilterra, Austria e Germania: eccezionale sarà inoltre la partecipazione di Richard Carpenter, musicista degli anni 70, del gruppo musicale The Carpenters.

NESSUM COMMENTO

Rispondi